Home/Federalimentare e Ministero dell’Ambiente: intesa per una corretta alimentazione

Federalimentare e Ministero dell’Ambiente: intesa per una corretta alimentazione

La diffusione di una corretta cultura alimentare, la lotta all’obesità e ad altre malattie, l’educazione dei bambini a uno stile di vita sano e la promozione di scelte alimentari consapevoli: sono questi i principali obiettivi dei documenti siglati da Federalimentare e Ministero dell’Ambiente nel corso delle ultime settimane di Expo. E, per ottenerli, puntano su corretta comunicazione commerciale e miglioramento delle caratteristiche nutrizionali dei prodotti.
Le indicazioni generali sono quelle note: alimentazione bilanciata e attività fisica costante sin da bambini per prevenire malattie e star meglio anche da adulti. Scordamaglia, presidente di Federalimentare, spiega: “No a demonizzazione del singolo alimento, il modello della Dieta Mediterranea, che contiene tutti i nutrienti in un giusto equilibrio, è la risposta più efficace al diffondersi di stili di vita poco salutari”.
“Con la firma dei protocolli con il Ministero della Salute – continua il presidente – si rinnova un percorso virtuoso che l’industria alimentare italiana, sia ad opera di singole aziende che di strutture associative, promuove da anni su base volontaria con lo scopo di offrire ai consumatori di tutto il mondo cibi buoni, sani e sicuri, senza compromessi. In questo senso, la priorità per tutto il settore è quella di aiutare il consumatore a compiere scelte consapevoli e salutari, fornendogli un’informazione adeguata sui prodotti, le materie prime, le modalità di consumo e conservazione”.
Nell’ultimo decennio, i protagonisti del settore hanno già fatto diversi passi avanti riguardo al miglioramento dei cibi dal punto di vista dei nutrienti: il profilo nutrizionale di oltre 4 mila e 200 prodotti alimentari è stato aggiornato, nel segno della leggerezza. E sono arrivati a circa 1 miliardo di euro gli investimenti per le iniziative sul fronte di educazione alimentare, miglioramento degli alimenti, autodisciplina nel marketing e commercializzazione delle referenze. Tutti aspetti che dovrebbero trovare nuovo slancio in seguito agli accordi appena sanciti.