Home/Export lattiero-caseario, per l’Europa a 28 un buon 2016

Export lattiero-caseario, per l’Europa a 28 un buon 2016

Il 2016 per l’ Europa a 28 è stato tutto sommato un anno positivo sia per il valore (+0,6% rispetto al 2015) che soprattutto per i volumi delle esportazioni (+5,5%). Il valore delle esportazioni è stato di 13.889 Mio di euro e quello delle importazioni di 810 Mio, con un calo del 4,3% rispetto all’anno precedente, pertanto il saldo della bilancia commerciale è in attivo di 13.079 Mio di euro.

Una cosa, osservando i dati diffusi da clal.it, balza subito agli occhi ed è il calo sia a volume che a valore delle polveri di latte, sia intero che scremato: -17% a volume e -24% a valore per la polvere di latte scremato e -4,9% a volume e -7,4% per quella di latte intero. A due cifre il calo del latte condensato (-22,1% a volume e -22,9% a valore). Molto buoni, invece, i risultati per quel che concerne latte e panna (+25,6 a volume e +17,5% a valore rispetto al 2015), il burro (+ 18,6% a volume e +18,7% a valore). Caseine e caseinati presentano buone performance a volume (rispettivamente +8,6% e addirittura +71,3%) ma crollano a valore (-10,4% e -6,4%). I formaggi, secondo prodotto più esportato dopo il latte con 800.155 tonnellate, vedono crescere l’export dell’11,4% a volume e del 2,9% a valore. In crescita anche il latte per l’infanzia (+12,2%  volume e +9,8% a valore) e, anche se in misura minore, yogurt e latticello (+4,1% a volume e +4,9% a valore).

Export a volume in dicembre…

Durante il mese di dicembre le esportazioni dell’ Europa a 28, confrontate con Dicembre 2015 sono aumentate in volume relativamente a latte per l’infanzia (+13,8%); sono diminuite quelle relative ai formaggi (-2,5%), al latte e panna (-3,9%) alla polvere di siero (-8,5%) alla polvere di latte scremato (-14,4%), alla polvere di latte intero (-24,9%) e al burro (-48,1%)

… ed export a valore

In controtendenza, sempre nel mese di dicembre, cosa che fa ben sperare, c’è stato un aumento dei prezzi unitari delle esportazioni, confrontati con lo stesso mese del 2015, relativamente al burro (+27,7%), alla polvere di latte intero (+16,6%), alla polvere di siero (+9,7%), al latte e panna (+6,7%) e alla polvere di latte scremato (+1,4%). In calo, comunque contenuto, i formaggi (-0,8%) e il latte per l’infanzia (-3,3%)