Home/Filiera del latte in India, 2 miliardi di dollari entro il 2020

Filiera del latte in India, 2 miliardi di dollari entro il 2020

Una cascata di dollari per la filiera del latte in India. Entro il 2020, infatti, sono previsti investimenti a monte della filiera di 2 miliardi di dollari. Le prospettive di crescita sono molto positive, forti della crescita di prodotti lattiero-caseari a valore aggiunto, segno di una maturazione del mercato, che ricordiamolo è sterminato (ben 1,25 miliardi di abitanti nella sola India, senza tener conto dell’influenza che l’India esercita sull’omonimo subcontinente).

Ambiti di investimento

Il focus principale verso cui verrano indirizzati i capitali da investire comprende in primis lo sviluppo di una infrastruttura di approvvigionamento di latte crudo di qualità superiore. Il che necessariamente spingerà alla creazione di centri di raccolta e di refrigeratori soprattutto nei piccoli centri, in maniera da far sì che l’interazione avvenga direttamente con i produttori, che significa maggiore controllo sull’approvvigionamento del prodotto. Questo contribuirà a cambiare la geografia produttiva del Paese: basti pensare che oggi le cooperative e le imprese private di lavorazione e trasformazione gestiscono 100 milioni di litri al giorno, entro il 2020 ne gestiranno quotidianamente 160 milioni di litri (dati Rabobank).

Ma ritorniamo alle prospettive di sviluppo. La crescita sarà sospinta principalmente da formaggio, yogurt, gelati, alimenti per l’infanzia e prodotti latte UHT. Si prevede un aumento della quota dei latticini a valore aggiunto che arriverà al 30% del mercato, rispetto all’attuale 21%, ovvero a un mercato che varrà 7 miliardi di dollari rispetto agli attuali 2,5 miliardi.

E di cambiamenti ne avverranno nel corso dei prossimi anni anche per quel che riguarda le dimensioni degli allevamenti, trasformazione in realtà già in atto. I motivi di queste ottimistiche proiezioni trovano terreno fertile se si analizzano vari fattori, in primis una crescente popolazione giovane che sta portando a un aumento del consumo di prodotti lattiero-caseari a valore aggiunto e di marca.

Alla luce di questi fattori appare chiaro che tutti coloro che vorranno formulare le loro strategie di business per ritagliarsi un ruolo nel mercato di quest’importantissima area non potranno non tener conto di questi aspetti.