Home/Buone prospettive per lo yogurt in India

Buone prospettive per lo yogurt in India

Mini boom dello yogurt in India, con il mercato che ha registrato un tasso annuo di crescita di quasi il 30% fra il 2011 ed il 2015. Questo andamento dovrebbe continuare se non addirittura accentuarsi nei prossimi 5 anni, con un valore totale stimato intorno al miliardo di dollari nel 2021.

Soprattutto nelle aree urbane, i benefici dello yogurt, la sua disponibilità e versatilità sono elementi che lo fanno preferire alle semplici confezioni di latte tradizionali. E in India si sta assistendo ad una grande urbanizzazione della popolazione, con l’acquisizione di stili di vita più improntati al consumo di prodotti più salutari. In crescita è soprattutto la domanda di yogurt aromatizzato e di prodotti ecocompatibili clean label, che migliorano l’immagine di marca.

Tutto positivo? Occorrerà vedere come si svilupperà il settore, tenuto conto del fatto che in India la produzione primaria di latte avviene in allevamenti di piccolissime dimensioni, con le imprese che organizzano raccolta e trasformazione per servire i maggiori centri urbanizzati di consumo. Eccone un breve elenco: Gujarat Cooperative Milk Marketing Federation, National Dairy Development Board, Karnataka Cooperative Milk Producers Federation, e Tamil Nadu Co-operative Milk Producers’ Federation Limited.

Naturalmente in questo ambito entrano in gioco i nomi dell’imprenditoria mondiale: dato che il sistema dovrà evolvere per far fronte alla crescente domanda di prodotti preconfezionati di alta qualità e salutistici, richiesti dalla crescente classe media e dalle fasce di consumo più giovani, diventerà importante anche il ruolo che saranno in grado di giocare le imprese straniere più rinomate, che sono già presenti in India e che dispongono di prodotti, tecnologia e brand noti ed evoluti. Oltre a Nestlé e Danone, sono presenti altre realtà affermate nel settore dello yogurt, quali Red Mango, e Yogurberry, aziende operanti nel settore del frozen yogurt, tipologia di prodotto che sta crescendo sempre più, anche nell’area asiatica.