Home/Oceania, in rafforzamento i prezzi del lattiero-caseario

Oceania, in rafforzamento i prezzi del lattiero-caseario

I prezzi aumentano nei Paesi dell’Oceania, anche se in maniera disomogenea. In Australia a condizionare tale aumento è stato anche il meteo, con precipitazioni diffuse sulle regioni meridionali e clima secco e siccità nelle regioni del nord, con i produttori di latte del sud più sollevati, dato che le abbondanti piogge migliorano le condizioni dei pascoli, con conseguenti minori costi di produzione del latte.

I produttori del nord hanno avuto, grazie alle condizioni di tempo più favorevoli, minore necessità di acquistare gli alimenti zootecnici, ma se la siccità continuerà, i prezzi aumenteranno di conseguenza.

La produzione di latte, nel periodo luglio 2015/aprile 2016 è calata del 1,15% rispetto a luglio 2014/aprile 2015; in Nuova Zelanda il calo è stato del 1,77%.

Anche per quel che concerne il burro i prezzi sono in aumento, con l’export australiano che, nel primo trimestre 2016, ha registrato un calo del 20,1%, e quello neozelandese che, nel primo quadrimestre 2016, ha segnato un meno 5,1%.

Salgono pure i prezzi del formaggio Cheddar, con l’export dall’Australia che, nel primo trimestre 2016, ha registrato un +3,7%. Migliore la performance della Nuova Zelanda, che nel primo quadrimestre del 2016 ha registrato un +8,6%.

Per quel che riguarda le polveri di latte, il prezzo minimo della polvere di latte scremato è in diminuzione, con un -32,20% rapportato ad aprile del 2015, per 1.738 dollari/tonnellata, contro il -24,20% degli Stati Uniti e il -16,01% della Germania. L’export dell’Australia, nel primo trimestre 2016 ha registrato -11,3%. L’export dei “cugini” neozelandesi, nel primo quadrimestre 2016 ha registrato un sostanziale pareggio (+0,2%) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Di contraltare i prezzi della polvere di latte intero sono in aumento, con l’export dell’Australia che nel primo trimestre di quest’anno ha registrato un calo di 11,3 punti percentuale, e con l’export neozelandese che, nel primo quadrimestre del 2016, ha registrato un meno 8,4%.